Work in Progress

Qu(e)rdenker
Qu(e)rdenker

press to zoom
Talisa Lallai, Candle Holders, 2012
Talisa Lallai, Candle Holders, 2012

press to zoom
Katharina Maderthaner,Grand Prix,11
Katharina Maderthaner,Grand Prix,11

press to zoom
Qu(e)rdenker
Qu(e)rdenker

press to zoom
1/5

QU(E)RDENKER

30 MAGGIO 2013 - 23 GIUGNO 2013

MOSTRA D'ARTE CONTEMPORANEA

OPERE DI

TALISA LALLAI, LISA-JULIE RUPLING, NIKO IKONOMEAS, KATHARINA MADERTHANER

PROGETTO A CURA DI ALESSANDRO PINTO

ORGANIZZAZIONE MICHAEL KORTLANDER, presidente del Kunstverein zur Veranstaltungen von Kunstausstellungen e SILVIA RENDA

 

VERNISSAGE 30 MAGGIO ORE 18.30

LA MOSTRA SARA' VISITABILE DAL LUNEDI' AL VENERDI' DALLE 17 ALLE 19

Que(e)rdenker

 


“Sostenere che un tema possa ritornare idea, e che di nuovo da idea si possa trasformare in concetto, e che da concetto si concretizzi e venga declinato in espressione artistica, è questo l’intento della mostra Que(e)rdenker. Il tema queer e glbt che il festival da due anni affronta non è altro che il precipitato di un’idea molto più vasta che riguarda tutta la società e, diagonalmente, attraversa la storia della cultura occidentale. L’idea della lotta al pensiero costituito, al pensiero quadrato all’interno del quale far entrare tutta la società. Chi resta fuori da questo quadrato è necessariamente reietto, rifiutato e non riconosciuto. Chi si unisce a questa lotta è un Querdenker, un pensatore diagonale secondo la definizione di De Bono, che si pone in termini oppositivi alle logiche dominanti e oppressive. Il pensiero Querdenker ammette la possibilità di non pensare in termini binari, vero/falso, giusto/sbagliato, ma di aprire a una terza possibilità, a una quarta, a infinite e non relativizzanti possibilità di espressione. Il tema queer declinato nel concetto di Querdenker è la base con cui i 4 studenti dell’Accademia di belle arti di Düsseldorf si sono confrontati. Eredi ed epigoni della scena artistica che ha formato e promosso Querdenker come Beuys, Hoehme, Royen, gli artisti Katharina Madethaner della classe di Richard Deacon, Niko Ikonomeas, Liza-Julie Rüpling e Talisa Lallai della classe di Georg Herold presentano opere che hanno un punto di partenza comune, quello di lavorare su materiali e idee semplici, su oggetti quotidiani riconoscibili e comuni – carta millimetrica, immagini pubblicitarie, ombre, casse di birra, utensili domestici, linee — ma di mostrarli dimostrando la possibilità di concepirli e farli osservare attraverso nuove prospettive, non ordinarie, non quadrate, di osservarli diagonalmente, lateralmente, nel senso meno consueto, non cercando il nuovo né il perturbante ma per mostrare semplicemente un’altra via di osservazione, un’altra luce, quella Que(e)r.”

 


Alessandro Pinto

BIO ARTISTI

Niko Ikonomeas (Atene, 1980)
Studia  archeologia e storia dell’arte presso l’Università di Creta (Grecia). Nel 2013 consegue la laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Düsseldorf presso la classe del Prof. Georg Herold. Partecipa a varie mostre in Germania e all’estero tra cui Intershop, Galerie der HGB Leipzig, Leipzig nel 2012; The Postcard, Rosenberg Gallery, New York e Everything you ever liked about your mother, 15 Howie Street, Londra nel 2011. Nel 2008 vince la borsa di studio Feldstärke international Pact Zollverein di Essen.
Vive e lavora ad Atene.


Talisa Lallai (Frankfurt, 1989)

Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Düsseldorf presso la classe del Prof. Georg Herold. Tra le principali mostre Close up, LUPO, Düsseldorf; Der stille Grund, Kunstraum Gagarin, Düsseldorf; Kunsthoch 44, Whitebox, Monaco; Refugium, Mischpoke BIS, Mönchengladbach nel 2013.
Vive e lavora a Düsseldorf.


Katharina Maderthaner (Meerbusch,1982)

Studia arte presso l’Università Bergischen di Wuppertal. Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Düsseldorf presso la classe del Prof. Richard Deacon.
Nel 2010 fonda lo spazio espositivo Raum für vollendete Tatsachen a Düsseldorf. Tra le principali mostre Sittart Galerie, Düsseldorf nel 2013;  Dyssomnia, Hans-Peter-Zimmer-Stiftung, Düsseldorf nel 2012; Forum für Neue Kunst a Etaneno, Namibia in collaborazione con il Museum für Neue Kunst di Friburgo nel 2011. Nel 2011 vince la borsa di studio del Forum für Neue Kunst Etaneno, Namibia.
Vive e lavora a Düsseldorf.


Lisa-Julie Rüping (Neuss, 1986)

Studia filosofia e germanistica all’Università di Colonia. Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Düsseldorf presso la classe del Prof. Georg Herold.
Tra le principali mostre Double Trouble, Hafentor 7, Amburgo nel 2012; Kommt doch, Walzwerk 0, Düsseldorf nel 2010. Nel 2013 vince il premio della città di Neuss Atelierhaus Hansastraße.
Vive e lavora a Düsseldorf.